di Silvia Sconamiglio

In quest’edizione della fiera sugli stili di vita sostenibili, idee e buone pratiche per ridurre l’utilizzo della plastica sono al centro dell’attenzione. La mostra Deplastic di Giacimenti Urbani esplora alternative ecocompatibili nel rispetto dell’ambiente e soprattutto dei mari.


Da oltre 50 anni, la plastica ha cambiato i nostri stili di vita, è stata e continua a essere il simbolo della modernità, è entrata nelle nostre case ed è diventata un elemento indispensabile. Il problema è che negli ultimi decenni se ne è fatto – in tutto il mondo occidentale – un uso smodato e solo ultimamente si è iniziato a prendere coscienza delle gravi conseguenze che ne derivano, prima fra tutti l’inquinamento dei mari derovuto dalla dispersione di plastica. Per sensibilizzare su quella che è diventata una vera e propria emergenza, Fa’ la cosa giusta!, fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, in quest’edizione 2019 (dal 8 al 10 marzo al Polo fieristico del Portello, FieramilanoCity) promuove, in un contenitore denominato Il porto di Fa’ la cosa giusta!, una serie di eventi, mostre, dibattiti e laboratori incentrati sulla riduzione della plastica e sulle possibilità di incrementare la raccolta e il riciclo.

(…)

A Fa’ la cosa giusta!, l’associazione Giacimenti Urbani (www.giacimentiurbani.eu) ha allestito la mostra Deplastic, azioni e buone pratiche contro l’abuso di plastica: l’esposizione, divisa in due parti, evidenzia i problemi, vale a dire le principali fonti di inquinamento da plastica e i rischi che ne derivano per l’ambiente; ed esplora poi le alternative possibili e le pratiche virtuose per avviare un processo di “decrescita” rispetto all’abuso che attualmente si fa di questi, in particolare i monouso (sacchetti per la spesa, stoviglie, bicchieri, cannucce, bottiglie, cotton fioc), che hanno una vita brevissima ma continuano a inquinare per un tempo infinito, anche quando si decompongono e si riducono in piccoli frammenti.

(…)

Così, per portare alcuni esempi virtuosi, sono esposti a De Plastic il trolley di Samsonite realizzato con tessuti ricavati dal Pet delle bottiglie, la scarpa Adidas con parti in plastica recuperata dai rifiuti marini, i contenitori in carta per il trasporto di alimenti, la moquette in Econyl, filo di nylon rigenerato, i vasi per pianta di Vivipot realizzati con gli scarti organici della lolla di riso e tanti altri oggetti che nel design e nel materiale puntano alla sostenibilità.

(…)

Leggi l’articolo